// 02 AGOSTO

Obamundo duo musica Ménilmontant (1926) e a seguire proiezione di Io e Annie (1972)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Obamundo duo musica Ménilmontant

Obamundo duo

Anais Drago, violino
Loris Deval, chitarra classica

Anais Drago

intraprende lo studio del violino all’età di tre anni sotto la guida di Lee Robert Mosca presso la scuola Suzuki Talent Center di Torino. Dal 2007 studia sotto la guida di Liana Mosca. Si diploma presso il Conservatorio di musica ”A. Steffani” di Castelfranco Veneto nel giugno 2013, ottenendo la valutazione massima. Nel luglio 2017 consegue la laurea di biennio di specializzazione in arrangiamento e composizione jazz presso il Conservatorio ”A. Vivaldi” di Alessandria ottenendo la votazione di 110/110 e lode e menzione di merito, con una tesi su Frank Zappa. Il progetto presentato alla tesi ha preso il nome di Anais Drago & The Jellyfish e ha debuttato nella rassegna Su di Tono di Cassolnovo (PV) nel novembre 2017. Dal 2009 ha ampliato i suoi orizzonti musicali formando con un gruppo di amici una band folk-irlandese, che è stata il pretesto e l’occasione per inserirsi nell’ambiente della musica pop, rock e folk. Dal 2011 suona a fianco di Pier Michelatti nella band ”Faber per sempre”, tributo ufficiale a Fabrizio de Andrè, esibendosi in tutta Italia e anche all’estero (recentemente a Lugano,Bucarest e Bratislava).Nel luglio del 2014 ha modo di condividere il palco con Michelatti stesso e con gli altri storici componenti della band di De Andrè. Durante l’a.s 2013/14 si è dedicata all’apprendimento del linguaggio jazz, frequentando corsi e lezioni private (ad Alessandria col M.° Fazio e a Londra con alcuni insegnanti della Guildhall High School of Music and Drama). Nel luglio 2014 partecipa ai seminari di Umbria Jazz e vince una consistente borsa di studio per la Berklee di Boston. Nell’ottobre 2014 si esibisce al fianco di Giovanni Tommaso nel concerto di chiusura di Lucca Jazz Donna. Nel dicembre 2014 viene chiamata, insieme ad altri studenti dell summer camp di Perugia, per suonare al concerto di apertura di Umbria Jazz Winter a Orvieto. Nell’estate 2016 entra a far parte dell’affermata rock band Custodie Cautelari, condividendo il palco con alcuni tra i più grandi artisti italiani della scena rock e pop, quali Luca Colombo, Maurizio Solieri, Ricky Portera, Giovanni Scarpato, Cesareo e tanti altri. Ha collaborato con importanti nomi del jazz quali Enrico Fazio, Alberto Mandarini, Gianni Coscia, Stjepko Gut e Richard Galliano. Collabora inoltre con Caravan Trio (complesso gipsy jazz torinese), con Giacomo Lamura nei Torpedo Blu (progetto di musica cantatutorale italiana reinterpretata in chiave swing), col cantautore eporediese Fabrizio Zanotti e con il chitarrista Loris Deval nell’Oba Mundo Project:con tutti questi si esibisce in rassegne, festival e manifestazioni in tutto il Nord Italia e anche all’estero. Nell’aprile del 2016 ha inciso il suo primo lavoro discografico jazz, che contiene composizioni originali. Ha inoltre conseguito l’abilitazione di primo e secondo livello per l’insegnamento del violino con il metodo Suzuki.

Loris Deval

Nato ad Aosta, inizia a suonare all’età di 14 anni.  Intraprende gli studi di chitarra elettrica e classica come allievo di vari insegnanti, tra cui il chitarrista Maurizio Brunod con il quale studia rock e jazz. Docente di chitarra dal 1999 presso l’associazione musicale “Music Studio” di Ivrea, è fondatore del gruppo “Baobabs”(1999) con cui registra CD omonimo realizzato per la vincita del concorso “Ivrea in Musica”. Esce nell’agosto 2005 il suo primo disco di sola chitarra dal titolo “…rien ne va plus”, prodotto dallo studio di registrazione Tecno-Sound di Bologna. Partecipa a numerosi seminari di strumento e composizione con Scott Henderson, Ralph Towner, Fred Gambale, Ferenc Snetberger, ecc… Collabora con diversi gruppi folk , rock e reggae tra cui “La Paranza del Geco” di Torino e i Talkin Drum”, band con la quale incide un disco nel 2007 ( Il Jolly matto). Due anni dopo forma un suo nuovo quartetto (“Lorelei Quartet”) con il quale registra un disco (nel 2011) di proprie composizioni ( SETA ) prodotto e distribuito dall’etichetta jazz “DODOCILUNE” di Lecce. 

A giugno inizia la collaborazione con il gruppo “Faber per sempre” di Pier Michelatti.
“Reading” musicali con diversi attori e scrittori di fama tra cui Neri Marcorè. Nel 2018 registra un particolare disco sulle colonne sonore con il percussionista brasiliano Gilson Silveira, Viden Spassov al contrabbasso e la violinista Anais Drago ( Obamundo Project ).Nel 2019 forma il “ Silence duo” con il trombettista Bruno Martinetti e registra un disco in formazione allargata ( Passi .. ) con il chitarrista Maurizio Brunod e la cantante  Sabrina Oggero Viale. Numerosi i concerti nelle varie formazioni in Italia e all’estero in circoli culturali, jazz club e festival. 

Tiene diversi corsi di strumento, propedeutica musicale e musica di insieme per numerose associazioni della valle d’Aosta e del Piemonte dal 2005.

Ménilmontant (1926)

Regia di Dimitri Kirsanoff
con Nadia Sibirskaïa, Yolande Beaulieu, Guy Belmont, Jean Pasquier
b/n, durata 34 minuti, Francia 1926

Ménilmontant di Dimitri Kirsanoff è un piccolo capolavoro dell’impressionismo francese che ha il merito di coniugare una tecnica sperimentale di montaggio e di ripresa (è uno dei primi film che fa uso della doppia esposizione) con una forte tensione verso l’umano. È un film all’insegna dell’instabilità, del mutamento e al contempo della stasi, del ritorno dell’uguale. Molti elementi si ripresentano simbolicamente lungo tutta la pellicola, a partire dagli orologi e dai calendari, che ricordano uno scorrere del tempo non quantificabile né intelligibile ma pervasivo.

Estratto da: E muto fu, viaggio attraverso il cinema muto

a seguire

Io e Annie (1977)

Regia di Woody Allen
con Woody Allen, Diane Keaton, Tony Roberts, Carol Kane, Paul Simon, Shelley Duvall
Col., durata 94 minuti, USA, 1977

Il film ha ottenuto 5 candidature e vinto 4 Premi Oscar, 5 candidature e vinto un premio ai Golden Globes

Un attore ebreo, in analisi da quindici anni, s’innamora a New York di una ragazza svitata di buona famiglia che viene dal Middle West. Vincitore di 4 Oscar (film, sceneggiatura, regia, Keaton), è il 1° film della maturità di Allen regista che lo scrisse con Marshall Brickman e che, per giustizia narrativa prima che per amore o galanteria, lo intitolò col nome del personaggio femminile: Annie Hall . Un capolavoro dell’allenismo: caldo, spiritoso, ironico, delizioso. Vi appaiono per pochi secondi Sigourney Weaver, Beverly D’Angelo, Jeff Goldblum. Diventeranno famosi.

Morando Morandini

INFO

info@stradedelcinema.com
tel: 388.5686519

BIGLIETTI

Biglietto unico: 5 € per le serate del 1, 2, 4, 5 e ogni singola proiezione della Maratona del 3 agosto 2020
Biglietto unico: 10 € per la serata del 6 agosto (serata con cortometraggio e lungometraggio musicato dal vivo)

Abbonamento Serate: 25 € tutte le serate, esclusa la Maratona...fai ’70 (3 agosto)
Abbonamento Maratona...fai ’70 del 3 agosto: 18 €
Abbonamento Strade del cinema (tutte le serate + maratona del 3 agosto): 40 €

I bambini fino a 8 anni entrano gratuitamente

La prima serata la biglietteria aprirà con un’ora di anticipo esclusivamente per coloro che acquisteranno un abbonamento, questo per evitare assembramenti e agevolare l’accesso all’evento: sabato 1° agosto dalle 19.00 alle 20.00 presso la biglietteria del Giacosa

ORARI - COVID 19 - ISTRUZIONI PER L'ACCESSO

  1. Le proiezioni di Strade del Cinema si svolgeranno a partire dalle 21.15 presso l’Area spettacoli del Teatro Romano.
  2. In caso di tempo incerto o brutto si svolgeranno alla stessa ora al Teatro Cinema Giacosa.
  3. L’entrata all’Area spettacoli del Teatro Romano è da via Charrey
  4. Prima di accedere all’Area spettacoli del Teatro Romano è necessario munirsi del biglietto che si farà presso la biglietteria del Teatro Cinema Giacosa in Via Xavier de Maistre.
  5. La biglietteria aprirà alle 20.00, i cancelli dell’Area spettacoli del Teatro Romano alle 20.45
  6. Prima di ottenere i biglietti verrà fatto compilare il Registro delle presenze.
  7. I biglietti saranno numerati per fila e per posto. Il sistema assegnerà i posti calcolando automaticamente in base alla tipologia dello spettatore (singolo, coppia, gruppo di congiunti) le distanze a norma di legge.
  8. Una hostess accompagnerà ogni tipologia di spettatore al proprio posto.
  9. Saranno riservati dei posti specifici per le persone portatrici di disabilità motorie.
  10. Saranno fornite in loco le modalità del deflusso alla fine degli spettacoli.
  11. Sarà obbligatorio l’uso delle mascherine (sia per personale sia per gli spettatori) durante tutti gli spostamenti (non durante la visione dei film)
  12. Saranno disponibili prodotti per l’igiene delle mani per gli spettatori e per il personale in più punti dell’impianto in particolare nei punti di ingresso.
  13. Sarà garantita la frequente pulizia e disinfezione dei servizi igienici e delle superfici toccate con maggiore frequenza (corrimano, interruttori, pulsanti, maniglie ecc.).
  14. Sono disponibili servizi igienici presso il Cinema Teatro Giacosa di Via Xavier De Maistre