THE KID

10 AGOSTO, ORE 21.15
Area spettacoli Teatro Romano

IL MONELLO DI CHARLIE CHAPLIN COMPIE 100 ANNI
Proiezione di THE KID
Regia di Charles Chaplin, 1921
con Charles Chaplin, Jackie Coogan, Carl Miller, Edna Purviance, Tom Wilson (III). Cast completo Titolo originale: The Kid. Genere Comico – USA, 1921, durata 83 minuti.

Chaplin apre il film con una didascalia in cui mostra la consapevolezza dei mezzi che metterà in campo: Un film che farà ridere e forse anche piangere. È quanto accadde all’epoca e può ancora ripetersi oggi. C’è chi ha accusato questa sua opera di retorica a causa dei primi minuti in cui si presenta la condizione della madre nubile e la si paragona a una via crucis. Valutare in questi termini la premessa all’apparizione di Chaplin stesso (che avviene più avanti) significa applicare considerazioni dell’oggi a una realtà che la morale borghese dell’epoca vedeva precisamente in quei termini: come una colpa della donna ‘perduta’. L’entrata in scena del Tramp con la descrizione della sua pretesa differenza rispetto alla miseria che lo circonda (e che di certo non lo risparmia) è utile ad evidenziare un tratto caratteristico del personaggio che Chaplin non ha alcuna intenzione di occultare. Il Vagabondo non è fondamentalmente ‘buono’. I tentativi che mette in atto per disfarsi del neonato, trovato del tutto casualmente, non lo inseriscono nella categoria dei benefattori. Lo diverrà in seguito affezionandosi al bambino (uno straordinario Jackie Coogan sulla cui presenza sul set fiorì una brillante aneddotica) che diverrà suo complice nell’infrangere vetri che lui poi proporrà di sostituire. La scena in cui gli viene portato via è ad alto tasso di drammaticità ed evidenzia le doti interpretative di entrambi i protagonisti.Chaplin non si limita però a far ridere e piangere il suo pubblico ma continua a proporre una sua indagine severa della società. Non è solo la condizione abitativa dei due contrapposta a quella del mondo dei ricchi a segnalarcelo ma anche, in modo ancor più severo, la sequenza del dormitorio pubblico che è purtroppo più che mai attuale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.